FIPED
Newsletter
La vostra iscrizione è stata effettuata con successo
Iscrivetevi alla Newsletter PEDIAS per rimanere sempre aggiornati sulle nostre iniziative.
sep
codice Cliccando su INVIA si autorizza PEDIAS al trattamento dei dati personali.

sep
News
Interrogazione Parlamentare sui pedagogisti dell'On.Giuseppe Gianni- 2012-10-12
Una delegazione dell'Associazione Professionale di Categoria "Pedagogisti ed Educatori Italiani Associati (P.ED.I.AS.) è stata ricevuta alcuni giorni fa al Ministero della Salute e al Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, per illustrare il disagio dei pedagogisti alle istituzioni. L'Interrogazione Parlamentare dell'On. Giuseppe Gianni è frutto del lavoro della P.ED.I.AS.

 Interrogazione a risposta scritta

al Ministro della Salute
  al Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

per sapere - premesso che:

- il D.P.R. 14 gennaio 1997, prevede obbligatoriamente la presenza nei centri di riabilitazione di "personale di area pedagogica" (pedagogista), ben differenziato dagli "educatori";

- tutte le regioni hanno recepito il su indicato D.P.R. 14 gennaio 1997;

- il contratto collettivo nazionale di lavoro sanità privata prevede il pedagogista come dirigente di ruolo sanitario non medico e non si comprende per quale motivo il contratto collettivo nazionale di lavoro sanità pubblica non lo preveda, visto e considerato che il su indicato D.P.R. 14 gennaio 1997 ha per oggetto: "approvazione dell'atto di indirizzo e coordinamento alle regioni e alle provincie autonome di Trento e Bolzano, in materia di requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per l'esercizio delle attività sanitarie da parte delle strutture pubbliche e private";

- l'inserimento del pedagogista dirigente di ruolo sanitario non medico nell'elenco delle professioni sanitarie non comporterebbe, oltretutto, aggravio di spesa nei bilanci del servizio sanitario delle regioni in quanto le rette pagate alle strutture pubbliche e private accreditate "sono omnicomprensive di tutte le prestazioni sanitarie riabilitative previste pro-die per ogni singolo soggetto" e la prestazione pedagogica è prevista nel su indicato D.P.R. 14 gennaio 1997;

- in questa situazione i centri di riabilitazione privati, accreditati dal servizio sanitario regionale che devono assumere obbligatoriamente i pedagogisti, secondo quanto previsto dal D.P.R. 14 gennaio 1997, devono fare ricorso al "parere n. 53 del 16 dicembre 1983 del consiglio sanitario nazionale e alla successiva sentenza del consiglio di stato n. 763 della sezione v del 13 luglio 1994;

- questo parere e questa sentenza spiegano che le posizioni funzionali del pedagogista, sono equiparate al profilo professionale dello psicologo di cui all'allegato 2 del D.P.R. n° 761 del 20 dicembre 1979, quindi l'inquadramento del pedagogista viene fatta nei ruoli nominali;

- tutto ciò non significa che il pedagogista diventi psicologo o lo psicologo diventi pedagogista, ma che il pedagogista viene inquadrato, sotto il profilo della retribuzione e della qualifica, come lo psicologo con lo stesso stipendio e la stessa qualifica di dirigente di ruolo sanitario non medico;

1. quali sarebbero i motivi ostativi al mancato inserimento nell'elenco delle professioni sanitarie del pedagogista.

2. quali iniziative il ministero della salute intende intraprendere al fine di assicurare tale inserimento anche in considerazione del fatto che il ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, dipartimento dell'istruzione - direzione generale per lo studente, l'integrazione, la partecipazione e la comunicazione - non ha potuto inserire il pedagogista nelle "linee guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con disturbi specifici dell'apprendimento, allegate al decreto M.I.U.R. del 12 luglio 2011, proprio in virtù della non presenza del pedagogista nell'elenco delle professioni sanitarie.

Tutte le NEWS