FIPED
Newsletter
La vostra iscrizione è stata effettuata con successo
Iscrivetevi alla Newsletter PEDIAS per rimanere sempre aggiornati sulle nostre iniziative.
sep
codice Cliccando su INVIA si autorizza PEDIAS al trattamento dei dati personali.

sep
News
Sulla formazione e aggiornamento- 2017-05-28
RICEVIAMO SEMPRE PIÙ SPESSO RICHIESTE DI CHIARIMENTI SULLA FORMAZIONE E L’AGGIORNAMENTO POST LAUREA PER GLI ISCRITTI ALLA P.ED.I.AS.

Nelle FAQ presenti nel nostro sito www.pedias.it, è scritto a chiare lettere:

• Cosa si intende per aggiornamento?
Per aggiornamento si intende la frequenza a corsi di formazione brevi senza esame finale di tesi.

• Cosa si intende per perfezionamento?
Per perfezionamento si intende la frequenza a un percorso formativo annuale di almeno 750 ore con esame finale di tesi.

• Cosa si intende per specializzazione?
Per specializzazione si intende la frequenza a master annuali di 1500 ore o a master/corsi almeno biennali di minimo 1500 ore.

• La P.ED.I.AS. organizza corsi di formazione?
Assolutamente no. La P.ED.I.AS. come stabilisce il suo Statuto e i suoi Regolamenti, è organo super partes nella formazione. Essa riconosce scuole di formazione in ambito pedagogico che obbediscono a linee guida sulla formazione fissate dalla P.ED.I.AS.

• La P.ED.I.AS. è partner delle scuole che riconosce e può cobandire con esse corsi di formazione.
No, in nessun caso.

Conseguentemente l’iscrizione e l’Attestato delle Competenze di cui all'Articolo 7, Comma 1 della Legge 14 gennaio 2013 n° 4 viene rilasciato a tutti i Colleghi ovunque abbiano conseguito specializzazioni o perfezionati.

Allo stesso modo l’Attestato delle Competenze viene rinnovato ogni tre anni a tutti gli iscritti in regola con le quote sociali e a fronte di percorsi d’aggiornamento inerenti la professione, ovunque frequentati.

Resta evidente che la P.ED.I.AS. con il suo Comitato Tecnico Scientifico si riserva di valutare la serietà dei percorsi formativi e degli approcci teorici ed esperienziali risultanti dalla documentazione presentata.

Ed il tutto ai sensi dell’Articolo 2, Comma 1, Lettera c) del Decreto Legislativo del 16 gennaio 2013 n. 13 che recita:
c) “«apprendimento non formale»: apprendimento caratterizzato da una scelta intenzionale della persona, che si realizza al di fuori dei sistemi indicati alla lettera b), IN OGNI ORGANISMO CHE PERSEGUA SCOPI EDUCATIVI E FORMATIVI, anche del volontariato, del servizio civile nazionale e del privato sociale e nelle imprese; …”.

I nuovi organi collegiali (Consiglio Nazionale e Comitato Tecnico Scientifico) non appena saranno eletti valuteranno nuove modalità di accreditamento dell’aggiornamento dei propri iscritti nel rispetto della Legge 14 gennaio 2013 n° 4 e del Decreto Legislativo 16 gennaio 2013 n° 13.

Tutte le NEWS